Stai pensando di vendere i tuoi servizi o prodotti digitali online ma non sai quale piattaforma scegliere? Oggi esistono diverse soluzioni, ma vendere su Shopify e su WooCommerce sono sicuramente le due opzioni più utilizzate. Come mai? Shopify è una piattaforma in abbonamento che ti permette di creare il tuo negozio online in modo abbastanza semplice, anche se non hai competenze tecniche approfondite. WooCommerce è il plugin gratuito di WordPress per la vendita online molto amato per la sua versatilità e completezza.
Quindi quale piattaforma commerciale ti offre un’esperienza migliore di vendita? Vediamo quali vantaggi e svantaggi ti aspettano nel vendere con Shopify rispetto a WooCommerce.

Che cos’è Shopify

Shopify è una piattaforma commerciale nata nel 2006 per creare negozi online. Piccola curiosità: i suoi ideatori l’hanno sviluppata per lanciare “Snowdevil”, un e-commerce di attrezzature da snowboard, perché erano insoddisfatti delle piattaforme esistenti al tempo. Vendere su Shopify è infatti piuttosto intuitivo e non richiede troppe conoscenze tecniche, vantaggio che ha portato a un rapido successo della piattaforma. Oggi vendere con Shopify ti permette di:

  • Creare il tuo negozio online
  • Gestire inventario, pagamenti e spedizioni
  • Vendere su diversi canali online o negozi fisici
  • Monitorare le tue vendite

Una soluzione pratica sia per la vendita di prodotti fisici che per alcuni prodotti digitali, che però richiede un abbonamento e, come vedremo a breve, presenta anche dei limiti.

Quanto costa creare un sito su Shopify?

Prima di andare a vedere cosa e come puoi vendere con Shopify, partiamo subito dalla nota dolente. Quanto costa l’abbonamento per creare il tuo negozio online? La risposta è: dipende. Se vuoi vendere su Shopify, puoi usufruire di 3 giorni di prova gratuita, scaduti i quali dovrai fornire la tua carta di credito e scegliere il piano di iscrizione più adatto alle tue esigenze.
Qualsiasi piano sceglierai, per i primi 3 mesi puoi usufruire di Spotify pagando solo 1€ al mese. Naturalmente, per vendere servizi o prodotti online, avrai bisogno della piattaforma per un periodo molto più lungo. Quindi il prezzo che devi valutare fin da subito è quello dei piani di abbonamento definitivi. Attualmente sono disponibili:

  • Piano Basic → a partire da 28€ al mese, suggerito per privati e piccole imprese
  • Piano Shopify → a partire da 78€ al mese, suggerito per piccole imprese più strutturate
  • Piano Advanced → a partire da 384€ al mese, suggerito per medie e grandi imprese

Tutti e tre i piani ti permettono di vendere prodotti con Shopify su diversi canali e accedere all’assistenza. Le differenze tra i piani di abbonamento sono: diverse commissioni sui pagamenti online con carte di credito (più alte nel piano Basic e a decrescere negli altri due), il numero di account staff disponibili (2 account staff nel piano Basic, 5 nel piano Shopify, 15 account staff in Advanced) e diversa qualità dei report (report di base per il Basic, report professionali per Shopify e generatore di report personalizzati per Advanced).
A questi costi sono da aggiungere le spese aggiuntive se scegli un canale di pagamento esterno (2% per Basic, 1% per Shopify e 0,5% per Advanced). Inoltre sono a pagamento alcuni dei temi per personalizzare il tuo e-commerce.
Oltre a questi piani di abbonamento puoi scegliere:

  • Il piano Starter → da 5€ al mese più il 5% di commissioni sul venduto se usi Shopify Payments, suggerito per i Social
  • Il piano Retail → da 79€ al mese, studiato per le vendite in negozio
  • Il piano Plus → da 2000€ al mese, con commissioni incluse fino a 800.000€ al mese di vendite, pensato per le imprese con alti volumi di vendita.

In definitiva, utilizzando Shopify per il tuo e-commerce, devi tenere conto di costi variabili e a lungo termine per l’utilizzo della piattaforma. Inoltre, se il tuo business inizia ad ingranare, le commissioni trattenute sulle tue vendite diventano cifre piuttosto rilevanti.

Cosa posso vendere su Shopify

  • Ora che hai un’idea più precisa della spesa necessaria per creare il tuo spazio di vendita, vediamo che cosa puoi vendere con Shopify. Puoi utilizzare il tuo shop online realizzato su con Shopify sia come estensione di un negozio fisico che per vendere servizi o prodotti digitali. Tuttavia Shopify è nata per creare e-commerce per beni fisici, e solo in seguito è stata adattata ai prodotti digitali per soddisfare nuove esigenze. Infatti non è una piattaforma adatta alla vendita di corsi online e a servizi più strutturati. Quello che puoi vendere su Shopify sono:
  • Prodotti fisici creati da te
  • Vendere in dropshipping, ovvero senza magazzino, se il cliente riceve il prodotto fisico direttamente dal fornitore
  • Vendere prodotti digitali in download, come e-book, template e altri prodotti digitali “basic”.

Vendere prodotti digitali con Shopify

Prima di vendere prodotti digitali con Shopify devi quindi tenere conto dei limiti della piattaforma. Se il tuo obiettivo presente o futuro è vendere corsi online, avrai bisogno di uno strumento più efficace e personalizzabile. Anche per vendere prodotti digitali con Shopify come ebook o altri file PDF devi fare attenzione ad alcuni passaggi. In particolare:

1. Il tipo di prodotto digitale
Il prodotto digitale ideale da vendere con Shopify dovrà essere un prodotto scaricabile in download. In base alle tue competenze e preferenze puoi creare guide, template, stampe digitali e altri prodotti per acquisti singoli. Dovrà essere PDF, un file audio o un’immagine, mentre per vendere corsi online e prodotti digitali più complessi Shopify non è la scelta ideale.

2. Caricamento e Gestione dei Prodotti
Una volta creato il tuo prodotto digitale, dovrai accedere al pannello di controllo su Shopify, alla sezione “Prodotti” e poi alla voce “Tutti i prodotti”. Qui potrai caricare il tuo file digitale e assicurarti che sia ben formattato e privo di errori.

3. I Dettagli della Consegna
Se vendi un prodotto digitale, non hai bisogno di una spedizione fisica ma, come abbiamo visto, Shopify è pensato soprattutto per i prodotti fisici. Quindi dovrai cambiare alcune impostazioni:

Da desktop: alla sezione “Spedizione” deseleziona “Questo prodotto richiede la spedizione” e clicca su “Salva”.

Da iPhone: sotto “Spedizione” disattiva la casella “Questo è un prodotto fisico”. Poi, vai nella sezione “Altri dettagli” e disattiva anche qui “Questo è un prodotto fisico”. Infine tocca “Fatto” sia in questa pagina che nella schermata dei dettagli del prodotto.

Da Android: Sotto “Spedizione” disattiva l’opzione “Questo è un prodotto fisico”. Poi disattiva la stessa voce nella sezione “Altri dettagli”. Infine tocca su “Fatto” e su “Salva”. Nella schermata dei dettagli del prodotto tocca la spunta per salvare il prodotto.

A questo punto potrai fornire un link di download diretto dopo l’acquisto o inviare un’email automatica contenente il link al prodotto acquistato. Per fornire un link di download dovrai utilizzare un’app esterna scegliendola dall’App Store di Shopify.
Inoltre dovrai personalizzare le email che saranno inviate ai clienti specificando le istruzioni per fruire del tuo prodotto o servizio.

4. Il metodo di pagamento
Una volta stabiliti i prezzi per i tuoi prodotti digitali, anche in base allo studio del mercato di riferimento, dovrai scegliere il metodo di pagamento. Ricorda che una percentuale delle vendite sarà trattenuta da Sopify, in base alla commissione prevista dal tuo piano.

5. La personalizzazione delle pagine prodotto
Una pagina prodotto accattivante e completa è importante per invogliare all’acquisto. Descrizioni dettagliate, immagini di alta qualità e tutte le informazioni utili per trasmettere ai clienti il valore del tuo prodotto sono elementi fondamentali. Purtroppo Shopify non permette una personalizzazione molto approfondita del tuo negozio online e alcuni modelli aggiuntivi possono essere anche molto costosi.

Come hai visto ci sono diversi limiti nel vendere prodotti digitali su Shopify. Naturalmente alle azioni che ti ho indicato dovrai aggiungere un’ottima promozione online attraverso i social e i tuoi canali sul web. Uno spazio e-commerce su Shopify non è certo sufficiente per garantirti una presenza online di rilievo.

Vendere su Shopify o su WooCommerce?

Adesso che conosci i limiti del vendere su Shopify prodotti digitali non resta che valutare i vantaggi e gli svantaggi di scegliere questa piattaforma rispetto a WooCommerce. Ho già scritto a suo tempo un articolo dettagliato su come vendere su WooCommerce, ma ho comunque alcune precisazioni da fare per aiutarti nella scelta. Uno dei vantaggi di WooCommerce rispetto a Shopify riguarda sicuramente la SEO: vediamo perché.

La SEO su Shopify

La visibilità sui motori di ricerca è fondamentale per il successo del tuo negozio online. La SEO (Search Engine Optimization) è l’insieme delle attività che migliorano l’indicizzazione e il posizionamento dei tuoi contenuti sul web.
In pratica, permettono ai tuoi prodotti di figurare tra i primi risultati quando qualcuno cerca quella categoria su Google o su un altro motore di ricerca. Sebbene Shopify abbia in parte migliorato questo aspetto, le possibilità di ottimizzazione con questa piattaforma sono ancora molto inferiori rispetto a quelle offerte da WooCommerce.
Quest’ultimo dispone di diverse funzioni per migliorare la SEO ed, essendo integrato con WordPress, sfrutta in modo più diretto i vantaggi del blogging e delle pratiche di ottimizzazione. Il risultato è una maggiore visibilità dei tuoi prodotti online, decisamente vantaggiosa per raggiungere i tuoi clienti e intercettarne le ricerche sul web.

Vendere con Shopify: pro e contro

Dunque quali sono i vantaggi e gli svantaggi di vendere prodotti digitali su Shopify? Tra i vantaggi possiamo considerare l’interfaccia semplice e la velocità per creare il tuo negozio. Tuttavia ci sono alcuni svantaggi oggettivi come:

  • Il costo dei piani di abbonamento. Shopify è un servizio, non un programma da installare, e per utilizzarlo devi accettare una spesa ricorrente. Spesa destinata ad aumentare se se vuoi accedere a funzionalità più avanzate, aspetto che limita la scalabilità del tuo business
  • Il costo operativo di alcune app premium. Shopify permette l’integrazione con altre app, indispensabili per esempio per creare i link di download e altri servizi aggiuntivi. Ma le app esterne spesso hanno dei costi da sostenere
  • La dipendenza dalle commissioni di transazione se utilizzi un gateway di pagamento diverso da quello di Shopify. Il 2% può sembrare poco ma se il business va bene e le entrate aumentano scoprirai che equivale a un bel po’ di soldi
  • Servizio non ideale per i prodotti digitali. D’accordo vendere un PDF ma se vorrai scalare il tuo business con un corso online utilizzare Shopify diventa molto complicato
  • Una bassa predisposizione alla SEO. Un aspetto essenziale che richiede ancora dei miglioramenti
  • Una limitata possibilità di personalizzazione. Questo è un grosso limite per distinguerti sul web con il tuo Brand, cosa che puoi fare con una piattaforma più aperta e versatile come WooCommerce

Spero che questa guida ti sia stata di aiuto nella scelta della piattaforma ideale.
Hai bisogno di un supporto tecnico o di una consulenza per creare, gestire e promuovere il tuo negozio online e vendere prodotti digitali? Parliamone insieme in una call conoscitiva.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *